Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

sabato 31 dicembre 2016

Oscenitudini: il ciondolo dei TAKE THAT.

Ultimo post dell'anno...
faccio una breve premessa, credo di averla fatta tempo fa, ma ho deciso sul serio che non farò più post di necrologi, anche perché la tizia con la falce ha preso di mira gran parte dei personaggi della nostra infanzia (quest'anno con una mira poi,lasciamo stare), ma torniamo alle cose sciocche, che è meglio.

L'oscenitudine di oggi è:
il ciondolo dei Take That.
Questo che vedete qui di fianco avrà una ventina d'anni, paura eh?
S'è opacizzato, ma mille anni fa era lucido e, da fan, lo portavi anche con un certo orgoglio...non meravigliatevi, del resto andava di moda nel periodo della collana col chicco di riso.

 Se non erro, lo vendevano in edicola oppure in allegato a qualche rivista. Lo custidisco gelosamente, insieme all'unica t-shirt con i loro faccioni, e ai cd - originali, tutti - perché ero davvero tanto tanto innamorata di loro (no non è vero, lo ero di Robbie, solo di lui...e lo adoro ancora ovviamente).
Questa è una di quelle cose che dovrei tenere nascoste, per darmi un tono, ma che ci vuoi fare..al cuor non si comanda..^___^"

Su su, care ex "thatters", venite alla luce e lasciateci un commento qui sotto o sulla pagina Facebook (il link lo trovi nella colonna a destra).

 Approfitto di questo post scemo per augurarvi un 2017, decisamente migliore del 2016 (e non ci vuole mica tanto!) a tutti voi , sia che siate lettori fissi o che siate giunti da queste parti per aiutarvi a ricordare qualcosa...come si dice:
Buona Fine e Buon Principio!

 Al prossimo anno! :D

giovedì 22 dicembre 2016

Giocovedì: I Dolci Segreti


I dolci segreti...magari il nome non vi dice molto, ma sono sicura che moltissime di voi si ricorderanno di questo gioco.

Anche se definirlo gioco era esagerato, diciamo che erano più che altro "ninnoli".
Erano ciondoli, e potevano essere indossati al collo, come spille o come fermagli per capelli...ma, il "dolce segreto" era che se li aprivi, si trasformavano in una bambolina o un piccolo animale, o in una penna.
Io ho sempre voluto il medaglione-bambolina, ma non sono mai riuscita ad averlo.




In compenso, intorno ai sette - otto anni arrivò il bloc-notes, che non solo aveva il piccolo gatto-penna ma si trasformava anche in una piccola cucina.

Di tutto il gioco è sopravvissuto solo la parte di penna a forma di gatto.
Ma è ancora bellissimo.

Ricordo c'era anche la versione con gli strumenti musicali, oppure la meravigliosa versione con gli animali (indimenticabile la stella-cavallo). :)

So per certo che da qualche parte si trovano ancora, magari vi viene voglia di regarlarveli per Natale :) ...no?

Voi quali avevate?
Ma sopratutto: sono ancora con voi o sono finiti nell'oblio?
Aspetto come sempre i vostri ricordi nei commenti qui sotto, o sulla nostra pagina facebook.

P.s:  Vi chiedo sinceramente scusa per i pochi e incostanti aggiornamenti al blog, e per le rubriche scombinate. Ultimamente - ve ne sarete accorti?- abbiamo qualche problema di "gestione" del tutto, ma ce la possiamo fare...non scappate eh! <3



domenica 4 dicembre 2016

Il video della Domenica: Boyzone - No Matter What (1998)

domenica 27 novembre 2016

Il video della Domenica: Five - Everybody Get Up (1998)

domenica 20 novembre 2016

giovedì 17 novembre 2016

Il ritorno di Tricky Traps

Ragazzi, avete memoria del famoso gioco Tricky Traps?

Ebbene, sappiate che il "tremendo" labirinto meccanico è da poco ritornato in versione digitale su iOS e Android in Tricky Traps The Videogame!

Totalmente sviluppato dalla società italiana Belka, si differenzia dalla versione originale soltanto per alcune migliorie che ne incrementano la giocabilità e la difficoltà. Inoltre è stata introdotta la modalità "rallentamento" per superare alcune trappole particolarmente difficili: cosa impossibile nella versione "reale".

Se avete voglia di sfidare voi stessi ed i vostri amici come un tempo e tornare un po' bambini, non dovete far altro che andare su AppStore o Google Play e scaricare gratuitamente l'applicazione (saranno presenti delle pubblicità in-app, ma con un "piccolo contributo" si potranno eliminare, se si vorrà).

Provate subito questa nuova versione e, se ne avete voglia, fateci sapere cosa ne pensate con un commento!

Bentornata, nostalgia! :D

domenica 13 novembre 2016

Il video della Domenica: Leonard Cohen - Hallelujah

Che anno terribile questo...:(



domenica 6 novembre 2016

mercoledì 2 novembre 2016

Cinque anni assieme a noi!



Ebbene, cari amici... Oggi il nostro blog raggiunge il suo quinto anno sul web!

Cinque anni di Te lo ricordi mica... passati assieme a tutti voi, condividendo ricordi, aneddoti e quant'altro riguardi i mitici anni della nostra infanzia!

Con oltre 320.000 visite complessive e quasi 500 fans su Facebook, il blog continua ad andare avanti e destare ancora molto interesse, nonostante i suoi annetti.

Continuate a sostenerci numerosi!! Viva il passato, viva il vintage!

Auguri blog, dai tuoi fondatori Fra Stiller e Lyndin! Ormai sei un ometto :D

lunedì 31 ottobre 2016

Schiaffi e Fagioli

Sfido qualcuno di voi a non aver mai visto e apprezzato la mitica coppia Bud Spencer - Terence Hill sul grande e piccolo schermo...

Essendo il primo giorno della settimana, questa avrebbe dovuto essere una rubrica Lunedì Film... ma visto che ci sarebbero milioni di cose da dire su di loro, non basterebbe l'intera giornata per parlare di tutte le pellicole e dei personaggi. Ad ogni modo, anche coloro che non hanno mai visto un film, sanno benissimo che ciò che distingueva i due era dare mazzate, sempre mazzate, ancora mazzate... senza riceverne mai!


Beh, per tutti i fans e non, sappiate che già un anno fa alcuni sviluppatori di videogiochi hanno cominciato a lavorare ad un videogioco stile Double Dragon o Cadillacs and Dinosaurs dedicato al mitico duo. Ora però hanno deciso di fare le cose in grande e, per ultimare il loro lavoro, lanciato una campagna Kickstarter per il loro "Slaps and Beans" per PC, Mac e Linux. L'obiettivo è quello di raggiungere i 130000 euro prefissati (e sono già arrivati a raccoglierne circa un terzo!).

Il gioco ripercorrerà alcuni dei migliori film western con un'avventura cooperativa picchiaduro a scorrimento in stile retrò (molto sala giochi anni '80), alla quale saranno aggiunti alcuni minigiochi come fare un "concerto di schiaffi" con un malcapitato o far esibire Bud nel suo celebre "Blo blo blo blo" (non so se saranno questi i giochi secondari ma nel video seguente si vedono alcune scene del genere).

Vi lascio al video che pubblicizza la campagna e al link Kickstarter:



Avete visto che roba? Se questa notizia vi ha lasciati entusiasti, vi consiglio di andarvi a cercare le vecchie pellicole e riguardare le incredibili gesta di Bambino e Trinità.

E, visto che oggi è 31 ottobre... Buon Halloween a tutti!

domenica 23 ottobre 2016

Il video della Domenica: Ragazzi Italiani - Vero Amore (Sanremo 1997)



Approfitto per dire due parole su questo gruppo, che ormai è sparito nel nulla (per fortuna?).
Beh, tolto qualche componente che continua a fare qualcosa ovviamente come  Attilio Fontana, che se non erro ha fatto un album solista non molto tempo fa, o comunque ha recitato in diverse fiction, per esempio.
Il gruppo in se ha avuto vita breve, dal 95 al 99 circa,e sei album.
E indovina un po' chi era fan? Io, ovviamente.
All' epoca ero quattordicenne ne ero innamoratissima, poi era una boyband (che andava para para a sostituire i Take That, che stavano già ai ferri corti, quando sono spuntati loro).
Delirio.
E poi erano "di zona", insomma, non erano "impossibili", ecco.

Dopo un sacco di ospitate in vari programmi televisivi ( tra cui Amici della De Filippi, quando era un Talk Show ancora e c'erano tutti i tizi seduti in uno studio risicato), nel 1997 approdarono a San Remo, con questo brano qui.
A vederli oggi fanno proprio ridere tantissimo, e questo la dice lunga.
Da notare ovviamente anche il "look", e poi per ultimo il testo della canzone.
Ma se non te li ricordi, e vuoi avere un quadro chiaro dei tipi, ti invito a cercare anche le altre come...Volare Volare, Ti amo di brutto ed Un Amore solo non c'è.
Poi ne riparliamo. :P
Non volevo dilungarmi, ma non potevo nemmeno mettere il video così a secco senza dire una parola, insomma, non posso fare finta di niente... anche perché, a guardare attentamente tra i miei cd, ce ne sono almeno tre. Originali.

Magari faccio confusione con cosa ho mangiato a pranzo ieri, ma i loro nomi li ricordo ancora tutti:

- Giuseppe ( Pino) Beccaria
- Attilio Fontana
- Manolo Reale
- Alessandro La Rocca
- Fabrizio Crociani

Io ne preferivo due, ma chi erano, non te lo dico.
Vediamo se indovini :)

Te li ricordi?
Li ascoltavi anche tu?
Avevi una sorella -cugina- amica-  che si strappava i capelli solo a sentirli nominare, e che correva all'edicola ogni giorno a cercare riviste con i loro faccioni?


Io ero una di quelle che andava - e all'epoca si usava in maniera spropositata, mica c'era internet- a comprare le "FOTOGRAFIE" sfuse nei vari negozi di merchandising. Che altro non erano che foto stampate su carta fotografica...ma ti davano la sensazione di  avere la foto vera e non il ritaglio di carta, insomma.
Di loro avevo un album apposito, se lo ritrovo ti metto le foto.
E ora chiudo il post imbarazzante! 
Buona Domenica! :)


giovedì 13 ottobre 2016

Giocovedì: La magica maglieria di Barbie

Ne avevo accennato già in questo post, ma non avevo approfondito!
La maglieria magica di Barbie, la ricordi ?
Io cell'ho ancora, lo ammetto. Praticamente nuova.
Non è mai stato amore immenso anzi l'ho sempre guardata malissimo perché io, a differenza di un sacco di mie amichette - e di altre bambine sparpagliate per tutto il pianeta- non sono mai riuscita a crearci niente.
Ma niente, sul serio eh!
Non ho ben capito se mancasse un pezzo per farla funzionare, o se semplicemente si trattasse di inettitudine da parte mia, poiché io con il "cucito" non sono mai stata grandiosa e nemmeno con i lavori ai ferri, nonostante mia madre sia tipo "cintura nera" in questo genere di cose.

Ero arrivata anche a pensare che l'avessero chiamata "magica" perché ci fosse qualche rito da fare prima di cucire, ma nelle mie istruzioni non c'era.
Di fatto volevo tantissimo fare dei vestiti di lana alle mie bambole, ma qualcosa di non ancora identificato, me lo impediva. E allora le mie poverette si ritrovavano arrotolate in pezzi di stoffa da colori assolutamente casuali, agghindate alla meno peggio, oppure avevano dei graziosissimi vestiti di carta, che con quella andavo sul sicuro. 

Ricordo l'invidia per lo spot in tv della maglieria, nel quale ti facevano vedere dei guanti, un cappello, addirittura uguale per la bambola e per la bambina e soprattutto un bassottino fatto di lana. E io -come si dice da queste parti- "rosicavo" e basta. 
E' finita riposta nella scatola, con i vari fili colorati che erano in dotazione ( ricordo un arancione orribile), ma nel corso degli anni provai diverse volte a rimetterci mano, con risultati sempre peggiori. Ma non sono mai arrivata a distruggerla, per questo. :P
Sei tra le fortunate che è riuscita a crearci qualcosa?
Tua sorella era una piccola produttrice di tubolari di lana, grazie alla sopra citata macchina?
Invidia a parte aspetto, come sempre, commenti sulla questione,  qui sotto oppure nella nostra pagina Facebook.

Lascio qui uno spot del 1985 riguardante la "macchina infernale" , non credete in tutto quello che fanno vedere, tutte quelle cose sicuramente sono state prodotte con altri "aggeggi" :P

martedì 11 ottobre 2016

PostLampo: Orsetti profumati

Non riesco a ricordare il nome specifico, ma per gran parte degli anni 90, questi "orsetti" potevi avvistarli appesi allo zaino di una quattordicenne qualsiasi. Anche al mio ovviamente.
Ne avevo uno blu, profumava di mirtillo e quando inserivi il mini biberon  nella bocca gli si illuminava il naso.
Non riesco a ricordare se la mia versione era originale o tarocca, perché ad un certo punto andavano in giro versioni copia spaventosamente identiche alle originali.
Li ricordi?
Ne avevi uno anche tu appeso magari alle chiavi di casa?
Riesci a ricordarne il profumo?

domenica 2 ottobre 2016

Il video della Domenica: Shout - Tears For Fears (1985)


*Si consiglia l'ascolto a volume altino. ^_^*

domenica 25 settembre 2016

Il video della Domenica: Jamiroquai - Cosmic Girl (1997)

domenica 18 settembre 2016

domenica 28 agosto 2016

- 23/24 Agosto 2016 -

Oggi niente video Domenicale.
Il nostro pensiero è per le vittime del Terremoto, a chi non c'è più ma soprattutto a coloro che sono sopravvissuti e hanno perso tutto. 
Un abbraccio immenso.







domenica 21 agosto 2016

giovedì 11 agosto 2016

Giocovedì - Il labirinto con la pallina

E' estate. Uno dei giochi "da spiaggia" collocato fuori dai bar o nelle sale giochi era il "labirinto", lo ricordate?

Inserendo la monetina, il distributore ci rilasciava una gomma da masticare di forma circolare, o una biglia, da far scorrere all'interno di un labirinto pieno di buchi sfruttando la nostra capacità di inclinare abilmente i due piani sull'asse orizzontale e verticale attraverso un volante.

Riuscire nell'intento di portare a destinazione la pallina (o la gomma) era impresa assai difficile, soprattutto se qualcuno ti distraeva volontariamente al solo scopo di vederti fallire... e vedere la gomma cadere in un buco, e non nella propria bocca, dava un gran senso di delusione e rabbia.

Di questo diffusissimo gioco estivo (ma nelle località marittime credo ci fosse tutto l'anno) esiste ovviamente la versione "da tavolo", fatta totalmente in legno con palline metalliche.
Io ce l'avevo, e ce l'ho ancora. Eccola qui:


Voi ci avete mai giocato? Avevate la versione "casalinga"? Siete mai riusciti a finire il labirinto?

Fatecelo sapere con un commento!

domenica 7 agosto 2016

domenica 31 luglio 2016

domenica 24 luglio 2016

domenica 17 luglio 2016

domenica 10 luglio 2016

Il video della Domenica: Smash Mouth - All Star (1999)

giovedì 7 luglio 2016

Giocovedì: i gonfiabili da mare!

E' giovedì.
E' estate e molti di voi saranno già con i piedi a mollo in qualche spiaggia (Noi no, NO) e allora perché non parlare di gonfiabili da mare/piscina?

In particolare dell'orca e del coccodrillo, che andavano tantissimo a fine anni 80, inizio 90. 
Ricordo di aver chiesto l'orca gonfiabile, un'estate.
E ricordo di averla portata anche al mare, ma, col terrore si potesse bucare.
Perché nella mia testa, quel "pesciolone" nero, sarebbe stato appeso in casa quando sarei diventata grande  (ovviamente è ancora con me, ma non gonfiata in soggiorno come sognavo).

C'erano altri animali ovviamente, mi ricordo per esempio lo squalo, il delfino, ma i più gettonati erano l'orca ed il coccodrillo.

Molti preferivano il coccodrillo, che era una sorta di materassino, con maniglie, perché comunque l'orca era scomoda. Bella, ma scomoda, soprattutto se avevi più di otto anni.
Il coccodrillo era più diffuso quindi.
E mi faceva ridere tantissimo quando vedevi questi cosi enormi che sembravano muoversi da soli (perché  spostati da bambini nettamente più bassi, che andavano a scomparire lì dietro). :D

Adesso sembrano essere tornati di moda.
Magari con altre forme, magari con altri colori, tipo..fenicotteri, tartarughe, ciambelle donut, ananas giganti.
Io voglio l'unicorno gonfiabile, adesso, per esempio.

Li ricordate?
Eravate tra i possessori di coccodrilli anche voi oppure eravate propensi al banale materassino blu/rosso e/o al cuscinetto tre strisce -ma  strappa polmoni- da tenere sotto all'asciugamano?

Comunque se siete tra i fortunati con i piedi a mollo, guardatevi attorno..magari ne vedete qualcuno!
Al prossimo post e Buona Giornata! ^_^

mercoledì 6 luglio 2016

Le pubblicità di Topolino N.1979 (31-10-1993)



- Kinder Sorpresa Leoventuras
- Mattel La Bella e la Bestia
- Panini Album Figurine Skuola

domenica 3 luglio 2016

giovedì 23 giugno 2016

Giocovedì: Gli album magici ( Paint With Water)

Nel resto del mondo sono conosciuti come "Paint with water" (dipingi con l'acqua), ma anche come "the magic album" (l'album magico).
L'elemento magico, nell'infanzia è importante
(nel mio caso, ci sono rimasta un pochino troppo sotto, non fateci caso) comunque alla fine da noi sono diventati "gli album magici".
Avevano, se non erro, anche un nome diverso, ma non riesco proprio a ricordarlo.
(Magari era una cosa locale, non lo so, da voi come si chiamavano?)

Ma andiamo al sodo: cosa avevano di magico questi album?

Non avevi bisogno del pacco di pennarelli, bastava un pennarello speciale, si, magico pure quello.
Era sufficiente passarlo sopra i puntini che componevano il disegno ed appariva immediatamente il colore. Da solo. Magia!
E cosa ne potevi sapere tu, cinquenne, che quei puntini nascondevano pigmenti acquarellabili e che quel pennarello incolore conteneva in realtà solo acqua?
Niente,  chiaramente ignoravi il tutto, ed eri contento lo stesso.

Avevano un fascino indiscutibile, e vi assicuro che ancora ne hanno, almeno fino ad una certa età (qualcosa si trova ancora, se ve lo state domandando) ovviamente, poi si preferiscono di gran lunga i pennarelli colorati, anche solo per il semplice gusto di ritrovarsi con le mani più colorate del disegno.
Va ricordato che, questi album, erano spesso abbinati con i Trasferelli!
Ma lasciatemi dire che erano -e sono-semplicemente geniali,  e non solo per il fatto della sicurezza.
Se andiamo ad analizzare, l'unica cosa pericolosa era il pennarello ma bastava sostituirlo con un dito bagnato - o con pennello, per dire. La genialità secondo me stava e sta nel fatto che, non sporcava nulla (e nel remoto caso di incidente, va ricordato che gli acquerelli si puliscono facilmente da ogni tipo di tessuto o superficie). E non è poco!
Insomma, facevano poca "confusione" e questa cosa i genitori la vedevano (e vedono) sempre di buon occhio. (Non è polemica eh, anzi, se avete avuto a che fare con bambini -piccoli e non- e acquerelli sapete certamente di cosa sto parlando. Se invece non avete idea, vi conviene tenere questa cosa a mente, seriamente, per il futuro. :P )


Chiacchiere a parte, li ricordate????  ^_^

Non ho trovato grandi documentazioni in merito, purtroppo. Giusto qualche copertina, ma niente niente niente, per esempio, della Disney. Ho però questo ricordo super nitido di me -sei enne- che coloro la mela rossa di Biancaneve e sono molto arrabbiata perché vorrei che anche la sua gonna fosse rossa ed invece mi viene gialla di default, ecco.
Biancaneve a parte, ne ho avuti svariati, comunque.
Ricordo qualche album con Braccio di Ferro (popeye), ma anche con Rainbow Brite (Iridella) o Barbie.
Ovviamente esistevano anche di Rambo, e anche di Superman, Spider Man e di Big Jim.

Adesso m'è venuta voglia di andarli a cercare.
A voi no? :)


mercoledì 22 giugno 2016

Le pubblicità di Topolino N.1892 (01-03-1992)



- Gnammy Sperlari
- Sisley
- GIG Brufols la Nauseabanda
- GIG Gemellini

domenica 19 giugno 2016

giovedì 16 giugno 2016

Giocovedì: Lo "Scoubidou"

Si scrive "scoubidou" e si legge "scooby-doo", proprio come il cane dei cartoni di Hanna & Barbera.
Cosa ha portato alla scelta di questo nome, temo non lo scopriremo mai, ma voglio sperare sia in suo onore.

Per "scoubidou" s'intende quell'intreccio di lacci -di plastica o di cotone- che potevano diventare un portachiavi, o un braccialetto.
E lo creavi tu, con le tue manine, intrecciandoli sapientemente, in diversi modi.
La parte divertente ovviamente era "crearlo".
Anche perché poi finiva lì, e ti ritrovavi con lo zaino, o le chiavi di casa,  pieno di "aggeggi" colorati.
Ricordo che a dodici, tredici anni, andavo alla merceria apposta per scegliere il tipo di materiale per farlo, il tipo di laccio, il tipo di colore e ti ritrovavi a chiedere "un metro arancione ed un metro viola"... oppure al mercato dove c'era ancora più scelta.

Esistevano  tanti schemi da seguire, ma all'epoca non lo sapevo, internet non si usava ancora e le cose si tramandavano con il classico passa parola ed un briciolo di mistero.
Io per pigrizia preferivo le due versioni classiche che poi sono anche le più facili:
 quella quadrata bicolore e la variante rotonda.
Adesso esistono dei mini kit, che ti forniscono svariati fili di plastica colorati della lunghezza giusta da assemblare, con ganci e perline, ed istruzioni per l'uso.
Ma continuo a preferire la versione classica fai-da-te.
Quella che una volta terminato, per non far sfilacciare i laccetti, dovevi sbruciacchiare con l'accendino.
Ma il vero talento era, farlo senza causarsi bruciature. ^^"

Li ricordate?

domenica 12 giugno 2016

il video della Domenica: Sunshine Reggae - Laid Back (1982)

domenica 5 giugno 2016

Il video della Domenica: Moby - Porcelain (1999)

giovedì 2 giugno 2016

Giocovedì - Micro Transformers

"Microrobot col potere della trasformazione!"

Il nome vi dice niente? Distribuiti in Italia da GIG negli anni '90 e conosciuti in America col nome di Transformer Micromasters, i Micro Transformers erano le versioni "mini" dei famosissimi robottoni trasformabili.

I set più piccoli, quelli delle "pattuglie", erano composti da 4 veicoli legati da una tematica comune (io ad esempio avevo il set dei fuoristrada). Esistevano però anche set più grandi, con mezzi che diventavano basi operative oppure con Transformers componibili.

In questo foglietto informativo americano si possono vedere, con maggior dettaglio, tutti i set disponibili (non sono sicuro che in Italia li abbiano distribuiti tutti, ma di sicuro quelli piccoli c'erano):


Quanto mi ci sono divertito con il mio miniset: ricordo bene che i veicoli, essendo di colore blu, rosso, arancione e grigio mi ricordavano i colori delle Tartarughe Ninja (ad eccezione del grigio al posto del viola) e quindi li avevo soprannominati Leonardo, Raffaello, Michelangelo e Donatello!

Della squadra di quattro, me ne sono "sopravvissuti" solo 3:


Quanti di voi li ricordano? Ne avevate qualcuno? Fateci sapere!

mercoledì 1 giugno 2016

Le pubblicità di Topolino N.1138 (18-09-1977)



- Migliorati Bambole dei Sogni
- Mattel Magica Maglieria
- Topolino regala le Figurine Calcio Lampo 1977-1978
- Mattel Barbie Ballerina

domenica 29 maggio 2016

mercoledì 25 maggio 2016

Le pubblicità di Topolino N.1578 (23-02-1986)



- Mattel Famiglia Cuore, il Fasciatoio delle Meraviglie
- Kinder Sorpresa
- Mattel Hot Wheels, Sfida al Serpente
- Mattel Babbucce Poochie

domenica 22 maggio 2016

Il video della Domenica : Articolo 31 - Ohi Maria (1994)

sabato 21 maggio 2016

Oscenitudini: Fiorello come Cantante. :)

Anni 90.
L'epoca in cui Fiorello, Rosario Fiorello, animatore siciliano, divenne famoso per una trasmissione in cui, spostandosi piazza per piazza, faceva cantare la gente, canzoni popolari.
L'epoca del Karaoke, insomma.
Quella ce la ricordiamo tutti.
C'è chi è rimasto legato - e chi no-.
A me Fiorello è sempre piaciuto molto, lo ammetto (ma molto molto eh).
Adesso meno, ma andiamo con ordine.

Eviterò di tediarvi sulla sua carriera, ma sappiate che ad un certo punto Claudio Cecchetto, decise di produrgli degli album.

Il Primo, intitolato "Veramente Falso" conteneva delle cover cantate da lui, che non dimentichiamolo, era ed è tutt'ora, un fortissimo imitatore. Io non lo avevo, ma ricordo di aver preso la cassettina alle bancarelle, di quelle false insomma, del resto il nome aiutava.

Il secondo, sulla scia del primo, intitolato "Nuovamente Falso", uscì l'anno successivo (1992).
Io, da brava rimbambita, avevo la versione "KARAOKE", cioè con il cd, libricino dei testi e cd con le basi, a parte. Non poteva sfuggirmi, poi c'era una traccia con gli 883, senza contare Celentano e Battiato, che io adoravo già in tenera età.

Comunque, nel 1993 decise di fare il cantante sul serio e di fare un album tutto suo (andò anche a San Remo, qualche anno dopo) "Spiagge e Lune".
Il cd in questione conteneva la famosa poesia di Giosuè Carducci "San Martino" in versione musicale, che all'epoca si sentiva abbastanza.


Ero indecisa su quale brano lasciarvi, ma
era impossibile sceglierne uno solo, quindi ve ne lascio due, giusto per rendere l'idea del periodo e di che soggetto fosse, nel caso non lo ricordaste.
Evitiamo di fare il calcolo degli anni passati, che se sembra sempre l'altro ieri, e invece no.

Buon ascolto, e non ridete troppo eh! :P



giovedì 19 maggio 2016

Giocovedì: Campana.

Gioco semplicissimo ed intramontabile proprio per questo, ancora va di gran moda tra i bambini. Ci vuole davvero poco, è sufficiente avere un pavimento, un gessetto ed un sasso. Anche se a me è capitato più volte di disegnarlo direttamente col sasso lo schema,  quindi la presenza del gessetto non era necessaria. Io l'ho sempre conosciuto come "Campana", ma so per certo che ha altri nomi, tipo "Cielo". Ho visto che viene rappresentato in diversi modi, ma comunque il più classico è con sette caselle e l'ultima rotonda.
A me, l'avevano raccontata come la rappresentazione dei giorni della creazione, quindi come se fossero i giorni della settimana...fino a giungere alla domenica, che è rappresentata dal cielo, e per questo è la casella in cui si riposa.

Lo scopo del gioco consisteva, nel lanciare un sasso piatto (o un tappo) e di andarlo a recuperare, saltando su una gamba sola, ma esiste anche la variante a "gambe alternate", cioè dove sono due caselle a gambe divaricate e dove è una, su una gamba sola e così via.
Si doveva comunque completare il percorso, recuperare il sasso, arrivare al "cielo  e tornare indietro.

Ho scoperto che in realtà è un gioco che facevano i soldati  all'epoca dei romani per allenarsi a muoversi con agilità con diversi carichi addosso.

Scommetto che a questo ci abbiamo giocato tutti tutti.
Come lo chiamate dalle vostre parti?
E' sempre "campana"?
Vi aspetto come sempre nei commenti!
Al prossimo Post! :)



mercoledì 18 maggio 2016

Le pubblicità di Topolino N.1925 (18-10-1992)



- GIG I 5 Samurai pugni d'acciaio, Demon
- Playmobil, vari set
- Nuovo AZ Junior
- GIG Sbrodolina Dolce Nido

domenica 15 maggio 2016

mercoledì 11 maggio 2016

Le pubblicità di Topolino N.1917 (23-08-1992)



- Lipton Ice Tea Dan Peterson
- Walt Disney Home Video Bambi
- Yoga Yotea
- Fiabe sonore Disney La Sirenetta

martedì 10 maggio 2016

Le sorprese delle merende: Gli Svitatelli

"Gira la testa. Scambia le zampe. Crea l'animale più svitato che c'è!"

Così diceva lo slogan che presentava gli Svitatelli, questa stravagante collezione di animali prodotta da Kinder e Ferrero.
Li ricordate?

10 personaggi da collezione, uno in ogni confezione di merendine Kinder, furono distribuiti in Italia dall'ottobre del 1993.

La loro peculiarità era la possibilità di "staccare" testa e gambe dal corpo centrale sferico, e riassemblare gli animali mischiando tra loro i pezzi per creare strambe varianti.

I 10 buffi personaggi erano, riportando le descrizioni del foglietto illustrativo originale:

- Etta Scimmietta: Agilissima e gran furbetta
Leofifone: Re della jungla ma timidone
Uzzo Struzzo: Pancia tonda, cervello aguzzo
Vera Biancaenera: Molto elegante e sincera
Dino Elefantino: Mattacchione, molto carino
Rinocalpesta: Tutto naso, niente testa
- Bufalo Bol: Sogna il Far West... pancia al sol!
- Ippopasticcio: Simpaticone ma pasticcione
- Coccobrillo: Un po' bassotto, ma molto arzillo
- Pardogagliardo: Vanitoso e un po' testardo

Avevo tutta la collezione, ma alcuni dei personaggi sono andati persi negli anni. Ne ho salvati solo 5, che vi mostro nella foto qui sotto:



Voi ne avevate? Anche a voi qualcuno s'è rotto a forza di staccare e riattaccare i pezzi continuamente? Fateci sapere con un commento!

Alla prossima ^_^