Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

sabato 31 ottobre 2015

Le sorprese delle merende - Fantasmini Kinder

Speciale Halloween!

Ve le ricordate le collezioni "buone" della Kinder? Quelle che di solito si trovavano nell'ovetto centrale della confezione da 3?

Da oggi inizio a parlarvene e, visto che è il 31 ottobre, quale collezione è più in tema di quella dei Fantasmini?

Serie prodotta nel 1996 col nome "I fosforescenti Fantasmini", comprendeva 10 diversi personaggi che avevano la peculiarità di illuminarsi al buio dopo aver "assorbito" una certa quantità di luce, e questo li rendeva diversi dagli altri personaggi prodotti per la Kinder.

I dieci personaggi, nello specifico, erano:


Arturo Passamuro, il pittore
Arf Babau & Ubaldo Passeggio, il distinto fantasma col suo cane
Tato Smemorato, il viaggiatore che non ricorda dove ha messo la valigia
Lalla Frullata, la "pazza" appena uscita dalla lavatrice
Puccio Ciuccio, il bebè del gruppo, nella sua culla
Bice Stiratrice, la distratta fantasmina alle prese col ferro da stiro
Molly Ammollo, una fantasmina spensierata immersa nella vasca da bagno
Ugo Asciugo, il povero fantasmino messo ad asciugare sullo stendino
Carlo Cucù, il dispettoso che fa versacci uscendo dall'orologio a pendolo
Berto Tremor, il pauroso della compagnia che legge un libro di fantasmi.

Questa era l'unica collezione, insieme a quella dei Coccodritti, che avevo completato e che ho ancora completa tutt'oggi! Ve la mostro in tutta la sua bellezza, alla luce e al buio:


Col tempo hanno perso un po' della loro luminescenza, ma vederli illuminarsi ogni sera prima di andare a letto mi strappa un sorrisetto nostalgico ^_^

Nel 2001 la Kinder ha poi prodotto una seconda linea di Fantasmini (di cui ero all'oscuro) chiamata "Il ritorno dei Fantasmini ai grandi magazzini!", vi posto qui sotto una foto:


Son carini pure questi, ma mai quanto quelli originali... in più non so mica se questi al buio si illuminano come i loro predecessori!

Anche questo post è giunto al termine, vi lascio con la pubblicità dell'epoca (con un immancabile Pietro Ubaldi a dare la voce a Kinderino):


Voi li avevate tutti? Ve ne mancava qualcuno?
Alla prossima e Buon Halloween a tutti quelli che lo festeggiano! 

giovedì 29 ottobre 2015

Giocovedì: La bambola Cuore Caldo

Si chiamava proprio "Cuore Caldo", ed era una bambola...non un tortino al cioccolato fuso. :D

Aveva degli eccentrici capelli colorati, l'espressione a "culo di gallina" (si, quella che ultimamente va tanto di moda), l'abitino era di solito abbinato al colore dei capelli (ma ancora non riesco a comprendere perché avesse un "grembiule" da cucina).
C'era anche una collana con ciondolo, e dentro ci potevi mettere una sua piccola foto, presente nella confezione (come le collane con le foto ricordo dei defunti praticamente, non so se avete presente, inquietudine estrema).
Il corpo era morbido, tranne le manine. Il pollice poteva essere messo in bocca (ecco spiegata l'espressione).

Molto simile allo Spumone, con la differenza -oltre alle dimensioni- che a metà pancia c'era un mini giradischi.
Per un lungo periodo di tempo, era facile trovare queste apparecchiature incastonate nelle bambole.

Fino almeno a gran parte degli anni ottanta era "quasi normale" (mi pare che baby mia bloccò la faccenda), perché con i dischetti potevano fare suoni diversi (pianti, risate, raccontare storie... ecc.), insomma, era "alta tecnologia". A me, personalmente questa faccenda spaventava non poco.
E non tanto il giradischi dietro alla schiena, mi disturbava molto che avessero dei forellini sulla pancia...insomma...erano delle casse camuffate, in parole povere.


Comunque "cuore caldo" di dischetti ne aveva tre, ed erano abbinati al suo vestiario.

Avevo quella Rosa fucsia e ricordo che i dischetti erano rosa trasparenti. Ma non chiedetemi cosa contenessero, perché credo di non averli usati mai. Perché con la bambola ci giocavo, certo, ma non perché "parlava". :P

Esistevano anche delle versioni tascabili, ma quelle, ovviamente non parlavano. Credo però, se non erro, fossero tipo "profuma ambienti".
Purtroppo non riesco a ricordare come l'avevo chiamata, perché io metto nomi a qualsiasi cosa, figuriamoci alle bambole...prima o poi me lo ricorderò.

Ma passiamo a voi:
Avete avuto occasione di averle o di giocarci?
La ricordate semplicemente?
Avevate bambole simili, con i dischetti?
Ricordate, per caso, le frasi che dicevano?
Come sempre aspettiamo i vostri racconti/commenti/richieste/quello che vi pare, qui sotto nei commenti, oppure sulla nostra pagina Facebook! ^_^
Al prossimo post!

domenica 25 ottobre 2015

Il video della Domenica: Erasure - A Little Respect (1988)

mercoledì 21 ottobre 2015

Back to the Future Collection - Speciale 30° anniversario Parte 3

Ore 10.04 della sera: precisamente 59 anni fa, più 11 mesi e 22 giorni, "un fulmine ha colpito la torre dell'orologio... ed è fermo, da allora..." 
Anche se questo orario non c'entra nulla con la data in questione, essendo ugualmente importantissimo nella trilogia ho deciso di pubblicare proprio in questo istante la terza e ultima (prometto) parte del mio speciale su Ritorno al Futuro.
Qui illustrerò, brevemente, il merchandise dedicato alla saga: cofanetti, gadget, figures, modellini... e mostrerò anche tutto ciò che è in mio possesso finora :)

Back to the Future Day! - Speciale 30° anniversario Parte 2

Nel pomeriggio, 21 ottobre 2015 ore 4:29 pm., ora in cui Doc e Marty sono arrivati nel futuro, vi ho parlato un (bel) po' della trilogia di Ritorno al Futuro...

Ma non avevo finito: trattiamo ora l'argomento dal punto di vista commerciale e degli eventi in programma per il trentennale in Italia e nel Mondo. E quale migliore orario se non il momento esatto in cui hanno lasciato il futuro?
Dopotutto, sono "BTTF-addicted"!
Di materiale, nel corso degli anni, ne è stato prodotto tantissimo: dalle magliette ai cappellini, dai modellini della DeLorean alla riproduzione del flusso canalizzatore.

Ma di questo ne parleremo un'altra volta: ora voglio soffermarmi sui vari videogiochi realizzati per questa saga, la cui maggior parte appartengono all'epoca della nostra infanzia e quindi siamo perfettamente in tema con il blog :)

21 ottobre 2015 - Speciale 30° anniversario Ritorno al Futuro

30 anni... ci pensate? Non sembrava possibile, eppure questo giorno è arrivato...
...il giorno del viaggio nel tempo di Marty nel futuro! COSA? Non sapete chi è Marty? State scherzando, vero? Ovviamente Marty McFly, quello di Ritorno al Futuro!!!
Approfitto di questa ricorrenza per parlarvi di questa mastodontica trilogia che, come saprà chiunque ha letto la mia scheda personale, è la mia preferita in assoluto e della quale ho sempre rimandato di parlare per la consapevolezza di dilungarmi troppo.

Ma oggi voglio provarci: chiunque avesse voglia di addentrarsi nel continuum spazio-tempo, è invitato a continuare la lettura... Per tutti gli altri mi limito a fare gli auguri ad una saga leggendaria che festeggia quest'anno il suo 30esimo anniversario:

Auguri Doc! Auguri Marty!


Attenzione: il seguito contiene spoiler e citazioni, invito quindi chiunque non abbia visto i film a non proseguire la lettura!

domenica 18 ottobre 2015

giovedì 15 ottobre 2015

Giocovedì: Il gioco del Quindici

Il gioco del Quindici è un gioco insospettabilmente anziano, pare infatti sia nato nel 1874, grazie ad un postino Americano.

Come si gioca?

Non è altro che una tabella -solitamente di plastica- di forma quadrata con quattro righe e quattro colonne, con all'interno delle caselle quadrate numerate dall'uno al 15, ed uno spazio vuoto.
Lo scopo del gioco consiste nel, mescolare i numeri in maniera casuale, e poi cercare di rimetterli in fila, tenendo però conto che le tessere possono scorrere solo in orizzontale ed in verticale, e bisogna tenere in considerazione soprattutto lo spazio vuoto.

Io ammetto di non essere mai riuscita a finirlo.
Come per il Cubo di Rubik, la mia pazienza - almeno in questi casi specifici- è stata breve.
Adesso che vorrei provarci a farlo, non ne ho nemmeno uno in casa. E pensare che, quando ero piccola, bastava frugare in un cassetto per trovarne almeno 3.

Voi ne avete ancora in casa qualcuno? 
Siete mai riusciti a finirlo?
Avete mai pensato di barare, smantellando le tessere per poi rimontarle? 
Aspetto i vostri ricordi, come sempre nei commenti...e buona serata! :D

domenica 11 ottobre 2015

Il video della Domenica: Audioslave - Like a Stone (2003)

mercoledì 7 ottobre 2015

Vecchie Abitudini: Fumare gli Alsaziani.

Sarò breve, anzi, brevissima:
Gli Alsaziani, ovvero i salatini a bastoncino.
Vi ricordate quando, da piccoli, si fingeva di fumarli???  ^___^"







lunedì 5 ottobre 2015

Lunedì Film: E.T. - L'Extra-terrestre!

Pensavate che il post di oggi saltava...e invece no! ^^"
Oggi vi parleremo di un film che, e sono sicura, avrete visto proprio tutti- tutti- tutti.
Quindi il post sarà breve, ma non meno nostalgico...e posso anche smetterla,
visto che il titolo del post già mi ha tradito: E.T. L'Extra-terrestre di Steven Spielberg.

Film del 1982 (giovanisssssimo!) che ha dato il via ad un modo diverso di fare film con trame più "emozionali". Per me resta indimenticabile ed è inevitabilmente legato alla mia infanzia.
Mi rifiuto di scrivervi la trama, come mi rifiuto di credere che esista qualcuno -tranne i bambini di adesso- che non l'abbia visto mai.
Anche se penso sia uno di quei film, che visti in età adulta, non ti "arriva e coinvolge" allo stesso modo.
Se non lo avete visto però recuperate subito, perché fa ridere, fa piangere ed è impossibile non affezionarsi a quell'esserino buffo con le dita luminose e gli occhioni blu.
Anche se ho scoperto di recente che c'è una grande fetta della mia generazione, che lo odia. MAH.


Chissà quanti di voi, con i pantaloni calati a bloccare le ginocchia, hanno camminato verso il fratello o la sorella col dito alzato dicendo "et...telefono...casa..." :DDD

Ecco, adesso ho voglia di rivederlo! Voi no?! ^^"
Buona Serata!

domenica 4 ottobre 2015

venerdì 2 ottobre 2015

Post Lampo: La scatolina delle Morositas

Le morbide alla liquirizia le ricordate tutti, lo so.
Come so che non sono scomparse, e che basta andare in un supermercato o in un bar qualsiasi, e le troverete senza ombra di dubbio. 
E per fortuna, aggiungerei, visto che restano insieme alla Golia bianca, le mie caramelle del cuore.
Peccato però non si trovano più le Morositas sfuse  con la piccola, adorabile, scatola di latta.
Era perfetta per contenere piccoli segreti.
La ricordate?

giovedì 1 ottobre 2015

Giocovedì: Operiamo! (L'allegro Chirurgo)

Ah! L'allegro Chirurgo!
Questo è uno dei giochi che non ho avuto mai (ma che volevo tantissimo).  Fortunatamente, ho avuto l'occasione di giocarci più di qualche volta a casa di una mia amica.

Non credo abbia bisogno di tante spiegazioni, ed introduzioni, è anche ancora in circolazione.
Ovviamente, col passare del tempo il protagonista è cambiato, e pare sia passato dal capello a caschetto al rimanere quasi calvo e abbia preso qualche chilo.
Pare ne esistono ancora diverse versioni,quella con Homer Simpson per esempio, che credo sia fantastica.
Esiste anche un' app, che non ho provato personalmente, ma di cui non mi hanno parlato bene (se mai avrò coraggio di provarla, sarete i primi a saperlo).

Comunque, tornando alla versione basica, c'è da dire prima di tutto, che di allegro c'era ben poco. Infatti mi sono sempre chiesta come mai, si chiamasse così. Non era divertente (o meglio, lo era fino ad un certo punto) essere il chirurgo e non era divertente nemmeno per l'omino..lui se ne stava sdraiato lì, con un mix di fori di diversa dimensione dai quali, con l'aiuto di una pinzetta,
dovevi riuscire ad estrarre oggettini raffiguranti mini organi/ossa di plastica, senza far toccare la pinza ed i bordini delle forature...altrimenti si illuminava il nasone, facendo un suono terribile e perdevi.


Ad ogni intervento eseguito c'era un corrispettivo in denaro quindi, se l'operazione riusciva, venivi ricompensato con delle banconote (ovviamente, finte).
Lo scopo del gioco era diventare un chirurgo ricco e chiaramente allegro.
Negli anni ho scoperto però che questo gioco si chiama così solo da noi, per il resto del mondo è semplicemente "Operation" (ossia, Operazione), che non è il massimo della fantasia, lo so.

In conclusione, avrei voluto lasciarvi lo spot italiano ma, è stato impossibile trovarlo, in compenso c'è lo spot inglese, che è un pochino sciocco, ma anche terribilmente anni 80.
Per quanto riguarda il gioco, questa volta non vi chiedo se lo ricordate, perché la risposta la so già ma, essendo curiosa di natura, vorrei sapere questo:
-Lo avete ancora?
E soprattutto..siete riusciti a trattenere con voi i vostri giochi preferiti (in generale) oppure, come spesso accade -che poi adesso va di moda- i vostri genitori hanno fatto piazza pulita di tutto?
Vi aspetto, come sempre, numerosi nei commenti! :)
Al prossimo post!