Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

giovedì 30 gennaio 2014

PostLampo: Il Rocky and Bullwinkle Show.


Questo è uno dei  cartoni, che io ricordo benissimo, ma che quando chiedo, nessuno ricorda mai. :(
Qualcuno di voi lo ricorda?!

Beh....
Rocky era un piccolo scoiattolo volante, e Bullwinkle era un alce tontolone, ed erano protagonisti di questo cartone animato che è andato in onda per gran parte degli anni 80 e 90 in italia
(ma in America, moooolti anni prima, 1959-1964).

Questi personaggi, nati dalla penna di Jay Ward e Alex Anderson, nelle varie puntate - brevissime :(-
si trovavano sempre a dover lottare in modi svariati contro la banda di cativissimi, capitanata da Boris Bandenov.

Nel 2001 Robert De Niro ha prodotto un lungometraggio ( che però non ho avuto modo di vedere) in cui i due protagonisti tornano, dopo un lungo periodo di "disoccupazione"( pure per loro ;___;), a risolvere un caso - ho letto in giro, che è estremamente simile a "chi ha incastrato Roger Rabit" la trama- contro il cattivo di turno.


Vi lascio con un piccolo rarisssssimo pezzo del cartone in italiano :



e con la sigla intera, di apertura, in inglese:  :)


Alla prossima! Buona giornata! :)

domenica 26 gennaio 2014

Il Video Della Domenica: Michael Jackson - Billie Jean (1983)

sabato 25 gennaio 2014

Belgioioso Yomo

Erano i primi anni '90, e sulle tavole di noi ragazzini italiani girava il famoso formaggio spalmabile in vaschetta Belgioioso Yomo.

Ce n'erano diverse varianti, ormai sparite, tutte molto particolari. Infatti, a differenza di altri formaggi spalmabili, erano alla frutta: mela, banana, frutti di bosco.

In più, dentro c'erano le sorprese di Tom e Jerry!! Ricordo bene che lo compravo spesso, e ne ricordo anche bene il sapore... erano tutti buonissimi, ed infatti non mi spiego il motivo per cui l'abbiano tolti dal mercato :(

Le sorprese erano cose stupidine, tipo segnalibri con fumetti o sagome cartonate da ritagliare... vi rinfresco la memoria con qualche immagine trovata in giro sul web:


Certo che anche queste cose, apparentemente semplici, ci davano un grande entusiasmo: "Chissà che fumetto è uscito stavolta... speriamo non sia un doppio"...

Quanti ricordi.. che nostalgia... e devo ringraziare una delle mie più importanti fonti di ispirazione, Topolino, che con questa pubblicità mi ha riportato alla mente una merenda che avevo rimosso dai pensieri, ma non dal cuore:


P.S.: Ringrazio tutti i nostri nuovi "followers", che ultimamente ci stanno inondando di commenti (mi spiace solo che non abbia tempo di rispondere a tutti...).

Alla prossima ragazzi!

domenica 19 gennaio 2014

giovedì 16 gennaio 2014

Il ritorno del Winner Taco

Il Winner Taco non era il mio preferito in assoluto,
lo ammetto.
Ma ammetto anche di essere una delle tante che rimase male quando sparì dalla circolazione, alla fine degli anni novanta.
Quindi questa notizia del  grande ritorno del Winner Taco certo, mi fa piacere.
Mi farebbe ancora più piacere se ritirassero fuori anche il Twister, ma tipo..Ora!...Subito!

Comunque a quanto pare, il gelato dell'orso bianco, sta tornando a grandi passi.
E' iniziata, infatti, già la campagna di "ri-lancio" del prodotto, da qualche giorno infatti è apparso un grande gelatone morsicato a Ponte Milvio, ma circolano voci insistentemente.
E a quanto pare non bisognerà di certo attendere l'estate per vedere se son vere, considerato che l'uscita è prevista per la festa degli innamorati, il 14 Febbraio 2014.
Pare, abbiano deciso di rimetterlo in produzione, in seguito alle richieste fatte a gran voce da gruppi creati su Facebook, che chiedevano per l'appunto, il ritorno del suddetto gelato.
Niente di strano insomma, era già successo qualche tempo fa che ritirassero fuori "vecchie glorie", come la "bomboniera", per esempio , ma fu una cosa decisamente più in sordina.

Ne avevamo parlato un po' di tempo fa di gelati che ci mancavano...dopo il ritorno di questo, spero vivamente ritireranno fuori anche gli altri.
E lo so che il periodo è quello che è, e che stiamo parlando di gelati ..ma lasciamo stare tutto il resto, per un momento, voi quale gelato vorreste poter mangiare di nuovo?

domenica 12 gennaio 2014

martedì 7 gennaio 2014

I grandi marchi: Standa

E' iniziato da poco il periodo dei saldi... e ciò mi riporta alla mente quando ero bambino e si andava nelle vie commerciali il sabato pomeriggio a guardare le vetrine. Tra tutti i negozi, tappa fissa era senz'altro la Standa.

La Standa per me bambino era sinonimo di "giocattoli"... quindi quando si andava sulla Via Tuscolana (chi è di Roma avrà presente) e da lontano intravedevo quell'enorme insegna verticale provavo una forte emozione, perché significava spesso poter ricevere qualche regalino :D

Dalla strada si vedeva grossomodo così (purtroppo non ho trovato una foto d'epoca, e di mie non ne ho):


Ma facciamo un po' di storia:

Fondata nel 1931 con in nome di Magazzini Standard a Milano dal vecchio direttore della UPIM, cambiò il nome nel 1938 per via di Benito Mussolini, che durante la dittatura fascista vietava l'uso di ogni termine straniero. Per questo il nome fu cambiato in STANDA, quale acronimo di Società anonima Tutti Articoli Nazionali Dell'Arredamento e abbigliamento.

Dopo aver aperto diversi 124 filiali in tutta Italia, nel 1966 viene acquistata dal gruppo Montedison... e nel 1988, con oltre 250 filiali, la proprietà passa in mano al gruppo Fininvest.

Da quel momento la Standa ottiene, per ovvie ragioni, diversi testimonial televisivi tra cui spiccano Marco Columbro (con il diventato famoso slogan "beh ma allora ditelo no?"), Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, Lino Banfi ("effettivamende!").

Nel 1998 Berlusconi dovette vendere la Standa, in seguito al suo ingresso in politica, per la parte non alimentare al gruppo Coin (con riconversione di quasi tutti i negozi in Oviesse) e per quella alimentare ai gruppi Supermercati Brianzoli al nord e Gruppo Conad al sud.

Nel 2001 la parte alimentare, marchio Standa compreso, finirono in mano all'austriaca Billa. Il nome sparì man mano nel corso degli anni con riconversione nel marchio austriaco fino a scomparire del tutto nel 2012. Da allora la Standa rimane solo un ricordo.

Nel corso degli anni il marchio ha cambiato forma... ripercorriamo l'evoluzione con questa immagine:



Oggi mi fa tristezza ripensare che dove attualmente sorge l'Oviesse, un tempo c'era la mia beneamata Standa, paradiso di ogni bambino (per quanto riguarda il reparto giocattoli, s'intende!).

Vi lascio con la scena dell'orologio della Standa in Le Comiche 2, uno dei film in cui i celebri magazzini hanno fatto comparsa:

domenica 5 gennaio 2014