Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

giovedì 26 aprile 2012

I Pipi Baby!

Ve  li ricordate?
Io, in realtà molto vagamente, e se non ne avessi uno che gira per casa, probabilmente me ne sarei dimenticata del tutto.
Comunque:

Erano concettualmente tipo i Sfrizzo ti Schizzo, solo con un aria più..."aggraziata" si può dire?
Praticamente erano dei pupazzetti sorridenti, alti circa 5 cm, che "sparavano" acqua dal pisellino ( ma c'erano pure le femminucce credo) invece che dalla bocca....Che bello, eh!? U_U

Venivano venduti con un isolotto, o una conchiglia, perché pare proprio che loro venissero da un'isola.
Isola senza bagni, senza vestiti, e dove per salutarsi, si sparavano pipi.
Evidentemente.

Questo spiega la loro faccia rilassata.
Per documentare il tutto, vi metto una foto del  il mio "pisciottino" :


A me ricorda vagamente TondoRotondo.
Anche se questo è estremamente rosa e con un po' di capelli.
Insomma, dopo essere riempito d'acqua, il suo scopo era -stringendogli la testa- di lanciare uno spruzzo  inquietante dalle parti basse.
E' pure vero che il nome era "chiaro" eh, uno che si doveva aspettare da un "pipi baby"??!
(Anche se nel resto del mondo si chiamano..."Tinkle Tots"...che poi il concetto è lo stesso...)

Non riesco a ricordare se, presa dalla mania del momento, me l'ero fatto comprare..o se si tratta di un regalo ricevuto.
Comunque, nonostante sia dei primi anni '90, è ancora in gran forma.
Del resto, non è che me ne andavo a spisciottare gente in giro.
Anzi, in più di un'occasione lui e i più rinseccoliti "Paciocchini" - di cui parleremo prima o poi - venivano "eletti" figli più piccoli di Barbie.
Cioè, credo di averci giocato più sotto questa veste che in quella per cui era nato.

Comunque, cari signori e signore della Tomy, un giorno me la spiegherete tutta questa "ossessione" per i giochi ad acqua, eh!? :)

lunedì 23 aprile 2012

Gentiii!
Post veloce e al volo, solo per farvi una piccola e indolore comunicazione di servizio:

Volete chiederci qualcosa?
Volete condividere con noi i vostri ricordi?
Volete insultarci?

Bene, da oggi poterete fare tutto questo scrivendoci a:

teloricordimica.info [at] gmail.com 

^___________^
A presto!

giovedì 19 aprile 2012

Arcade Mania!

Cabinato Pac-Man
Collegandomi all'ultimo post sulle caramelle, cosa facevamo noi bimbi (specialmente i maschietti) al bar o tabacchi, oltre a comprare le suddette caramelle o le sigarette ai genitori?

Esatto. Si giocava ai videogiochi dei cabinati arcade. O in alternativa lo si faceva al Luna Park o in spiaggia. Chi di voi non ha mai giocato ai videogiochi arcade?

Forse i più grandi di noi ricorderanno di aver speso pomeriggi su Pac-Man, Arkanoid, Donkey Kong o Space Invaders... io invece ricordo bene altri videogiochi, già più moderni e graficamente impeccabili (per quei tempi, e considerati i livelli grafici del Commodore 64 a cui ero abituato).

Sala giochi arcade anni '80
Prima di passare all'analisi di qualcuno dei giochi che ronzano ancora nei miei ricordi, parliamo del "businness" cabinato.
Parecchi gestori, soprattutto nelle sale giochi, cambiavano i soldi in gettoni... e spesso, comprando tot gettoni (10 o 20), te ne davano uno in omaggio. L'unica pecca era che dovevi per forza usarli tutti, una volta cambiati i soldi, e minimo si potevano prendere 5 gettoni, se non ricordo male.
Oppure i giochi andavano a 200 o 500 lire a partita. Nel caso del videogioco a moneta, personalmente ho notato questa cosa: i videogiochi che andavano a 200 lire, soprattutto nei lidi balneari, avevano un livello di difficoltà molto più elevato di quelli che andavano a 500 (avete mai provato a giocare a Street Fighter II a 200 e 500 lire? Personalmente, nel primo mi facevano fuori al primo scontro, nel secondo dopo 3 o 4...).

Ora passiamo ad analizzare qualche titolo, che ne dite? Partiamo da quelli sopracitati, che non ho vissuto direttamente ma che conosco grazie agli emulatori (Santo MAME :P)

Pac-Man Il capostipite dei giochi arcade... quanti di voi si saranno fatti abbuffate di palline e di fantasmi? Non mi soffermo più di tanto perché sicuramente lo conoscete tutti.
Space Invaders Quanti alieni avrete annientato con questa navicella? Io sinceramente nessuno, perché non mi piacevano sti tipi di giochi, ma è stato un must, e lo è tutt'ora... ci hanno fatto borse o anche mobili sullo stile degli alieni di questo gioco :P
Teenage Mutant Ninja Turtles Il mio preferito in assoluto, ma vabbè... io ero in fissa con le Tartarughe Ninja da piccolo... L'unica pecca è che questo gioco arcade si trovava solo in un bar dove abitava mia nonna... quindi l'unica occasione che avevo per giocarci era l'estate quando andavamo a trovarla T_T
Street Fighter II INSERT COIN... Hadouuuken!
Quello che avrò giocato più volte, sicuramente. Lo avevo poi comprato sul Commodore 64, convinto che fosse uguale a quello del cabinato, ma quanto mi sbagliavo. Più tardi nel tempo, con l'avvento dei primi computer, l'ho preso lì... e addio arcade edition.
Metal Slug Sicuramente l'ho giocato molto di più nelle versioni per console che non quelle arcade, ma il bello è proprio che non è cambiato assolutamente nulla tra la versione arcade e le più moderne... unica differenza è il non dover buttare gettoni per morire dopo neanche un minuto... però, che figata sto gioco!!!
Cadillacs and Dinosaurs Sicuramente il più bel gioco uscito per sala giochi, almeno secondo i miei gusti. Di picchiaduro a scorrimento multigiocatore con possibilità di usare armi ne sono usciti davvero tanti per arcade ma questo rimane il migliore.
Mi fermo qui, anche se ce ne sarebbero ancora tantissimi... tra cui altri picchiaduro a scorrimento come Double Dragon, Golden Axe, Altered Beast (volevo sempre diventare drago ma morivo prima), The Simpsons Arcade (mitico!), Final Fight, Streets of Rage, Punisher; picchiaduro classici come Mortal Kombat, Darkstalkers e King of Fighters; o altri giochi sportivi di tennis o calcio di cui non faccio neppure il nome ma che erano pura arte.

Prima di chiudere il post, in cui mi sono già dilungato abbastanza, vi ricordate quei videogiochi interattivi in cui avevate il pallone da calciare per battere i rigori, o la pistola da impugnare per uccidere i nemici (come non ricordare Time Crisis!!)? Postazioni videoludiche veramente ingombranti ma molto affascinanti.

Certo che oggi, con l'avvento di PC ultrapotenti, Playstation 3, WII e XBox360 i videogiochi arcade sembrano ridicoli... ma quanti di voi hanno sul PC ancora il MAME solo per rivivere questi vecchi titoli? :D

Vi lascio con un video di Cadillacs and Dinosaurs (avevo l'imbarazzo della scelta, lo so, ma ho optato per questo perché è quello di cui ho più nostalgia)




lunedì 16 aprile 2012

Melody Pops e Compagnia bella...


Melody Pops ossia il lecca lecca fischietto.. lo ricordate?
Io ricordo nitidamente l'appiccicume che ti lasciava sulle dita  per ore perché, il fischietto era nel lecca lecca  ed ovviamente non era sbavucchiato, di più!
Mi pare che nell'incarto ci fosse un mini spartito,
con canzoncine banali tipo "tanti auguri a te" e cose così.

Ricordo lunghi  momenti, al bancone del negozio che vendeva caramelle e non solo all'angolo di casa mia, (che ora non c'è più) a scegliere quante e quali caramelle prendere.
E io che arrivavo a malapena a vedere che caramelle c'erano, tanto ero bassa,
ci mettevo tantissimo...che strazio.


Quando potevo investivo 1.000 lire in un sacchettino di caramelle, la signora ne aveva a barattoloni e le pescava con le pinze, era meraviglioso ;___;"  e c'era tanta - troppa scelta!

Oltre alle sopracitate "Melody Pops" c'erano le Chupa Chups -pure quelle con la gomma dentro- e i gelati di zucchero, ma non solo.
Spesso nell'indecisione mi prendevo un mucchio di caramelle miste:

Un po' di fragolette zuccherate, qualche ciuccio, i coccodrilli con la pancia bianca, le "cocacole", e le rotelle alla liquirizia della Haribo.
E me ne tornavo tutta contenta, con il mio sacchettino, verso casa. 


C'è stato un periodo che adoravo le scoppiettanti Frizzy Pazzy ...e credo non ci sia bisogno di spiegare cosa fossero...o devo? :)

mercoledì 11 aprile 2012

Goodbye, papà del mitico C64

Nei telegiornali non ne parlano, perché probabilmente è più importante l'ultimo tatuaggio di Belen o le dimissioni del Trota... ma domenica scorsa è venuta a mancare all'età di 83 anni una figura molto importante per noi nostalgici: Jack Tramiel, il papà del mitico Commodore 64.
Da noi tutti va a lui un ultimo saluto, e un grazie per averci donato il nostro primo vero home computer e home videogame.

Colgo l'occasione per parlarvi della storia della Commodore, e dei suoi "figli", visto che poi ho intenzione di trattare più in là la mia esperienza personale con questo meraviglioso mondo... ho talmente tanti di quegli aneddoti e singoli giochi di cui parlare che ci vorrebbero 5 o 6 post per citarli tutti :)

La Commodore International Ltd., comunemente nota come Commodore, è stata una multinazionale che ha operato principalmente nel settore dell'informatica e secondariamente nel settore dell'elettronica ed ha iniziato la sua attività nel 1962 producendo macchine per ufficio.
Tra la metà degli anni settanta e i primi anni novanta, vende decine di milioni di personal computer in tutto il mondo ed è una delle principali case produttrici di computer artefici della cosiddetta "alfabetizzazione informatica": per la prima volta nella storia, il computer passa da oggetto costoso e complesso a bene di consumo delle masse.
 Tutt'oggi detiene il record del computer più venduto della storia, il Commodore 64, venduto in tutto il mondo in oltre 17 milioni di esemplari, e che continua ancora oggi a vedere i suoi software girare sui telefoni cellulari.

Ma soffermiamoci su quest'ultimo:

Il primo C64
Il Commodore 64 (conosciuto anche come C=64) nasce come evoluzione del VIC-20 (forse qualcuno di voi l'ha avuto, ma io personalmente no) ed è stato annunciato nel 1982 (guarda caso, il nostro anno XD). Sin dall'inizio ha stracciato i suoi diretti concorrenti quali Atari 800 e Apple II, per via del basso prezzo di distribuzione (595 dollari in America, e 973500 lire in Italia... mica tanto basso poi, considerando gli attuali prezzi di pc e console).

Negli anni successivi sono state prodotte evoluzioni del C=64:
- SX-64, una versione portatile ma poco venduta;
- Commodore Plus/4, versione evoluta con molti più colori, ma flop di vendite perché non si potevano usare i programmi del C=64;
- Commodore 128, a 128 kb di RAM invece di 64, molto migliorato rispetto al precedente come potenzialità e con la possibilità di usare i software del 64. Sfortunatamente non ho avuto possibilità di provarlo;
- Commodore 64C, quello che avevo io, versione esteticamente più bella ma identico al C=64 originale.

La mitica schermata iniziale
Il Commodore montava un sistema operativo in Basic, con un'interfaccia che permetteva agli utenti più esperti di programmare direttamente in codice (io c'ho provato, usando vari libri, quando ero bambino)... ma la maggior parte di noi avrà usato semplicemente i comandi LOAD, LIST e RUN.

Così appariva la schermata, la ricordate?






Il rumorosissimo Datassette
All'inizio i programmi si potevano caricare o salvare solo su nastro magnetico tramite il Datassette, il registratore che durante i lunghissimi caricamenti faceva il fastidioso rumore di un vecchio fax, lo ricordate? E vi ricordate quando, dopo lunghe attese, dava il messaggio LOAD ERROR? Che nervi.
E i colori psichedelici proiettati sullo schermo durante il caricamento? Che nostalgia.




Drive Floppy 1541
In seguito uscirono i supporti floppy, da cui si faceva partire il gioco con questa stringa, vi ricordate?
LOAD "*",8,1
I caricamenti erano molto più veloci di quelli sulle cassette magnetiche, infatti ricordo bene che mi copiai la maggior parte dei giochi in cassetta su floppy disk proprio per far partire prima i giochi.




Stampante Commodore
Oltre ai dispositivi di memorizzazione c'erano anche i joystick in stile arcade (quanti ne avrò cambiati) e la stampante (di cui non vedo la molta utilità... forse per la stampa del codice dei programmi compilati).




Nel prossimo post vi parlerò di alcuni dei più famosi giochi per Commodore 64, e soprattutto di quelli che ho amato di più... posterò poi qualche foto del mio C=64, che fortunatamente ancora funziona benissimo ed è in ottime condizioni. Alla prossima!


giovedì 5 aprile 2012

Il Dentifricio di Paperino.

Per la serie "cose che ricordo solo io?"  oggi  vi parlerò del  " Dentifricio di Paperino".

Chi di voi lo ricorda?

Io lo ricordo fin troppo bene.
Sarà che era il primo approccio con il mondo dei dentifrici.
Il mio preferito era quello al "gusto" di fragola,
anche se il sapore era uno schifo in realtà.
Ma aveva un odore che solo ad annusarlo ti veniva voglia di "mangiarlo" così a secco!
Comunque, la cosa bella era che in ogni confezione, in genere,c'era sempre una sorpresa.
Si trattava di giochini scemi, tipo questi :




Ma vogliamo spendere due parole anche su quello che è stato per un sacco di tempo  il mio fantastico spazzolino da denti ?
Era blu e aveva  un piccolo paperino che ruotava alla fine ( "paperino giocoliere" ) :


( Questa pubblicità è di fine anni '70 . Da notare il sapore del dentifricio "alla cicca americana" ^^" )

Ora la smetto, che divento nostalgica altrimenti! 
Alla prossima!

^___________^